Focus del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica su Lentini.

Si è tenuta in Prefettura, nella mattinata del 9 giugno 2022, una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal Prefetto Giusi Scaduto, cui hanno partecipato il Sindaco di Lentini, Avv. Rosario Lo Faro, il Questore, Dott. Benedetto Sanna, il Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Col. Gabriele Barecchia, e il Maggiore Giovanni Statello in rappresentanza del Comandante provinciale della Guardia di Finanza.

L’incontro era stato concordato anche a seguito dei recenti fatti criminosi che hanno interessato il territorio lentinese, i cui autori sono stati immediatamente individuati, grazie alle efficaci indagini condotte dalle Forze dell’ordine e coordinate dalla Magistratura.

Sotto il profilo della prevenzione, nel corso della riunione, si è convenuto di mantenere il rafforzamento del dispositivo di controllo del territorio, già in atto con militari dell’Arma e che, a breve, sarà ulteriormente integrato con 5 unità della Polizia di Stato.

Il Sindaco di Lentini, nel ringraziare per il tangibile e incessante impegno delle Forze di polizia territoriali per la sicurezza della comunità rappresentata, si è soffermato sulle azioni che l’Amministrazione comunale ha avviato per superare le criticità derivanti dallo stato di dissesto finanziario e delle carenze di organico, oltre che per accedere ai finanziamenti previsti dal PNRR.

A tale ultimo proposito, è stata valutata l’opportunità di prevedere appositi strumenti di tutela da qualsiasi tentativo di ingerenza da parte della criminalità organizzata mafiosa di tali risorse pubbliche, ove effettivamente erogate.

Conclusivamente, sia il Prefetto sia il Sindaco hanno rimarcato l’importanza dell’approccio collaborativo esistente, quale tassello essenziale di una strategia complessiva di contrasto ad ogni forma di illegalità.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.