I genitori donano gli organi dell’operaio di Siracusa deceduto a Malta

martino-orvieto-300x193
Papà e la mamma di Martino Orvieto ed alcuni amici sono partiti dalla Sicilia nell’isola dei Cavalieri, per la  disgrazia avvenuta in un Centro commerciale.

Non ce l’ha fatta l’operaio siracusano, Martino Orvieto, 29 anni, che lo scorso 17 ottobre è precipitato da un’impalcatura a Malta, mentre lavora in un cantiere di un centro commerciale. Si era trasferito a Malta un anno e mezzo fa per un posto di lavoro che non era riuscito a trovare nel capoluogo Aretuseo.
Il suo cuore ha cessato di battere ieri sera all’ospedale  “Mater Day a Misida“. Le lesioni, dopo l’impatto, avrebbero interessato varie parti del corpo. L’incidente è avvenuto a Birkirkara, una città che si trova nel centro della piccola isola, dove il giovane si era stabilito per lavoro. Lavorava per conto di un’impresa edile maltese.
Martino Orvieto era stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico . Ieri sera verso le 22, però, si è spento. Dopo l’incidente, erano stati avvertiti i familiari di Orvieto che si erano precipitati a Malta.
Nell’Isola ci sono il papà e la mamma del ragazzo che hanno manifestato ai medici della Valletta di volere donare gli organi del figlio. Probabile che l’espianto avverrà in serata. Subito dopo l’espianto la salma verrà restituita ai familiari.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.