Morte di Silvana Perticone. La Procura di Ragusa indaga quattro medici e dispone l’autopsia

Riscontrando l’esposto presentato dai familiari, affidatisi a Studio3A, la, per il tramite del Pubblico Ministero dott.ssa Monica Monego, ha aperto un procedimento penale per l’ipotesi di reato di omicidio colposo in ambito sanitario per la morte, a soli 56 anni, di Silvana Perticone, ha iscritto quattro medici nel registro degli indagati, anche come attuo dovuto per dare loro modo di nominare eventuali consulenti di parte per gli accertamenti tecnici non ripetibili, e ha disposto l’autopsia sulla salma, posta sotto sequestro così come tutte le cartelle cliniche, per accertare l’esatta causa del decesso ed eventuali responsabilità da parte dei dottori che l’hanno avuta in cura.

 

La cinquantaseienne di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, è deceduta in circostanze tutte da chiarire mercoledì 21 febbraio all’ospedale di Vittoria, nel Ragusano. Per due volte, nell’arco di ventiquattr’ore, lunedì 19 e martedì 20 febbraio, i suoi familiari l’avevano condotta all’ospedale Gravina di Caltagirone (Catania) in preda a forti dolori intestinali e vomito e per due volte era stata rimandata a casa, dimessa con la prescrizione di una cura domiciliare, che tuttavia non aveva dato alcun effetto: la donna continuava a vomitare e a stare male.

Non sortendo alcun risultato i medicinali prescritti, la donna e i suoi cari hanno allora deciso di rivolgersi al pronto soccorso dell’ospedale Guzzardi di Vittoria, da dove la paziente, dopo le prime visite, è stata indirizzata al nosocomio di Ragusa per effettuare una Tac, al momento non funzionante a Vittoria. L’esame ha dato esiti allarmanti: la cinquantaseienne, com’è stato spiegato ai suoi congiunti, è stata riportata subito nel nosocomio di Vittoria per essere operata d’urgenza presso il reparto di Chirurgia. Un intervento chirurgico d’urgenza che però non è bastato a salvarla: il giorno dopo è deceduta. I medici non riuscivano a capacitarsi di come la paziente potesse essere arrivata al Guzzardi in quella situazione così critica, le condizioni della signora, ricoverata in Terapia Intensiva dopo essere uscita dalla sala operatoria, erano gravissime.

Sconvolti per l’improvvisa e inspiegabile perdita, anche perché la cinquantaseienne non aveva mai sofferto di alcuna patologia, e, soprattutto, nutrendo enormi dubbi e perplessità circa le cure prestatele e l’operato dei sanitari dell’ospedale di Caltagirone, nella convinzione che con un ricovero, con accertamenti più approfonditi sulle sue condizioni e con un intervento immediato forse la loro cara si sarebbe potuta salvare, i suoi familiari hanno deciso di andare fino in fondo per fare piena luce sui fatti ed eventuali responsabilità e per ottenere giustizia.

Attraverso l’Area manager per la Sicilia e responsabile della sede di Ragusa, Salvatore Agosta, si sono affidarti a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, con la collaborazione dell’avv. Alfredo Vinciguerra del Foro di Ragusa, e hanno presentato denuncia querela presso la stazione dei carabinieri di Vittoria, chiedendo all’autorità giudiziaria di accertare i fatti, le esatte cause della morte di Silvana Perticone ed eventuali omissioni da parte dei medici che l’hanno seguita.

Istanze che adesso sono state accolte. La dott.ssa Monego ha infatti aperto un fascicolo e sottoposto a indagine G. T., 75 anni, il medico dell’ospedale di Caltagirone che, dopo la visita in reparto, avrebbe dimesso la signora Perticone, V. C., 38 anni, chirurgo dello stesso ospedale Gravina, S. R., 45 anni, chirurgo al presidio ospedaliero di Vittoria, e un’altra dottoressa, C. D. A., 32 anni, anch’essa chirurgo. Inoltre, il Sostituto procuratore ha ordinato l’esame autoptico i cui esiti saranno fondamentali per dare risposte alla famiglia della vittima e conferirà l’incarico nella giornata di sabato 9 marzo, alle ore 11, presso gli uffici della Procura ragusana a due consulenti tecnici d’ufficio, il medico legale dott. Walter Di Mauro e il chirurgo Professor Giovanni Trombatore. Alle operazioni peritali parteciperà quale consulente tecnico di parte per i congiunti di Silvana Perticone anche il dott. Ferruccio Santangelo, medico legale messo a disposizione per i propri assistiti da Studio3A.

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.
× Segnala