Salvini, altro processo per Open Arms: Giudici, soccorso in mare obbligatorio

Il segretario della Lega Matteo Salvini durante la conferenza stampa nella sede del partito, in via Bellerio a Milano, al termine del consiglio Federale. Milano, 31 gennaio 2020.
ANSA / MATTEO BAZZI

“Mi è arrivata un’altra richiesta di processo perché ad agosto ho bloccato lo sbarco di clandestini dalla nave di una Ong spagnola. Ormai le provano tutte per fermare me e impaurire voi: vi prometto che non mollo e non mollerò, mai”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini. Sono il sequestro di persona e l’omissione di atti d’ufficio i reati per cui il tribunale dei ministri di Palermo ha chiesto al Senato l’autorizzazione a processare il leader della Lega Matteo Salvini per la vicenda della nave spagnola Open Arms. I giudici a novembre scorso ricevettero dalla Procura del capoluogo la richiesta di procedere a indagini preliminari nei confronti dell’ex ministro dell’Interno. Il caso riguarda il divieto di sbarco imposto da Salvini all’imbarcazione con a bordo i migranti soccorsi in mare ad agosto scorso.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.