Schifani mantiene l’impegno con i precari Covid – David: “Noi Forestali,l’ultima ruota del carro”

 

Approvata dall’Assemblea regionale siciliana, la norma che consente di prorogare per 60 giorni il contratto di lavoro del personale tecnico e amministrativo che è stato impiegato nella sanità durante l’emergenza Covid.  Soddisfatto il Governatore Schifani che ieri ha incontrato una delegazione di questi lavoratori e preso un impegno subito mantenuto.

Se da cio si evince una soddisfazione per i lavoratori del settore, non si può dire altrettanto per quello dei lavoratori Forestali siciliani che ancora si trovano a navigare a distanza dal loro problema di continuità e stabilizzazione. così come dice Antonio David di ForestaliNews – “Giusto dare un continuo sostegno alla categoria dei precari Covid ma, non vedo una presa di posizione e un segnale concreto per quanto riguardo la problematica del settore forestale. Non bisogna metter sul tavolo soltanto i fondi per le giornate da effettuare il prossimo anno. Sulle garanzie occupazionali sappiamo che il problema viene risolto puntualmente ogni anno e su questo l’impegno del governo qualunque sia il colore politico non è mai mancato. Non basta da parte sindacale che si incontri il governo per dire sempre le stesse “caz….e” sapendo che il problema deve essere risolto e non chiacchierato. Tutti ormai conoscono il nostro problema, tutti sanno cosa si vuole e si chiede e, veder che ancora il settore forestale resta all’ultimo posto delle categorie, piange il cuore di rabbia e vergogna. Si sente parlare di riaprire i contingenti con nuove forze per rincalzare gli attuali operai ormai con età avanzata. Il mio pensiero sul settore rimane quello che, non si farà nulla di tutto ciò ma la mia previsione è errata, non dobbiamo trascurare o tralasciare che gli attuali devono essere stabilizzati prima di reintrodurre i nuovi. “Sembra” che ci sia un filo di speranza con il nuovo Presidente ma i conti si fanno alla fine e su questo siamo abbastanza scottati sulle apparenze e prese in giro che ormai non si moltiplicano di anno in anno”. Da sottolineare che gli stessi sindacati continuano solo a far riunioni e incontri con operai e politica con l’intento di riprendere una barca alla deriva e se, non vi è un ritorno di credibilità al giro di boa anche loro dovranno andarsi a cercare il lavoro…” –

 

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.