Siracusa: dalle tragedie alla cronaca, Convegno sui miti Aiace e Fedra

Siracusa, dal 31 maggio al 2 giugno Convegno organizzato da Pubblic/azione su “L’amore vergognoso e la vergogna amorosa”

Dalle tragedie alla cronaca: dibattito sul problema del “doppio”, aperte le iscrizioni per partecipare all’evento

Femminicidi, guerre, conflitti interiori. Dalla passione dei miti alla biografia del presente. Questo l’approccio contemporaneo che l’Associazione Pubblic/azione propone dal 31 maggio al 2 giugno 2024 a Siracusa con il convegno “Aiace e Fedra. L’amore vergognoso e la vergogna amorosa”, che si svolgerà nel Grande Albergo Alfeo di Siracusa (Via Nino Bixio 5).

Durante la tre giorni i partecipanti saranno invitati a un confronto alla pari su antichità e attualità. Le attività interdisciplinari daranno l’opportunità di assistere – dopo la visione delle tragedie Fedra e Aiace in scena al Teatro Greco di Siracusa – al dibattito accogliente, anche dei pensieri selvaggi e disturbanti, indotti dalle vicende dei miti, nell’intento di stimolare un’elaborazione aperta, funzionale e strettamente correlata al presente.

Il contributo di tutti i membri e l’occhio attento verso l’attualità saranno alla base dei lavori del convegno organizzato da Pubblic/azione, l’Associazione fondata nel 2002 dallo psicoanalista Riccardo Romano e dalla psicopedagogista Maria Amalia Vanadia, per andare ben oltre i versi di Sofocle ed Euripide e stimolare i partecipanti ad una presa di consapevolezza e alla pensabilità, facendo spazio all’espressione libera di pensieri ricchi di mito, storia, memoria, con l’obiettivo di produrre trasformazione sui fatti contingenti e sulle azioni future.

Il convegno sarà centrato sui temi che traggono ispirazione dai protagonisti delle due tragedie a confronto.

Fedra e Aiace si suicidano e l’analisi del vissuto di entrambi farà emergere il disagio del “doppio”: una sofferenza che esplode quando non amiamo più l’altro “sé” di noi, che sentiamo come qualcosa di cui vergognarci, da distruggere.

«Vogliamo coinvolgere le persone nella pensabilità – spiega Ernesto Romano artista, editore e presidente di Pubblic/azione – partendo dalle tragedie metteremo in discussione i miti dell’attualità. Assistiamo alle guerre come se fossero eventi inspiegabili. Ma la dinamica del “doppio” spiega, ad esempio, le angosce degli ebrei d’Israele verso il loro passato di vittime. Essi non sopportano l’idea di essere stati perseguitati e identificano nel popolo palestinese il doppio da eliminare, il ricordo da sterminare». Come sostiene il fondatore Riccardo Romano «quando incarniamo la sofferenza del doppio nell’altro, il doppio diventa nemico e per sconfiggerlo si commette un omicidio. Questo fenomeno psicologico è alla base dei casi di attualità, dei femminicidi, delle guerre disumane. Quando invece il doppio rifiutato si riconosce in se stessi, si compie un suicidio. Durante il dibattito si approfondirà la dinamica che ognuno di noi conosce e che genera quei conflitti che si covano nel mondo interiore e che, a distanza di tempo, possono emergere in maniera disturbante. Risolvere e riconoscere l’altro – o l’altra natura di sé – è il passo fondamentale per la risoluzione dei conflitti esterni ed interni».

È possibile partecipare al Convegno previa iscrizione, per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.pubblicazione.net

 

AIACE E FEDRA. L’AMORE VERGOGNOSO E LA VERGOGNA AMOROSA

Il Convegno organizzato a Siracusa dall’Associazione Pubblic/azione è aperto a tutti, per le iscrizioni è possibile consultare il sito www.pubblicazione.net . L’evento si svolgerà dal 31 maggio al 2 giugno 2024 nel Grande Albergo Alfeo (Via Nino Bixio 5).

Venerdì 31 Maggio alle 15.00 dopo l’introduzione del presidente Ernesto Romano su “Il doppio in un impensabile caso contemporaneo”, interverrà la psicoanalista Ana Juraga con il racconto del mito, seguirà la discussione e la visione di “Fedra, Ippolito portatore di corona” di Euripide al Teatro Greco di Siracusa.

Sabato 1 giugno alle 9.30 avvierà i lavori lo psicoanalista Angelo Garigliano, interverranno lo psichiatra Sergio Paradiso su “Omosessualità. Orgoglio e pregiudizio”, la psicoanalista Patrizia Montagner sulle “Violazioni dei diritti umani. Vergogna, colpa e riparazioni”, lo psicoanalista Simone Bruschetta su “Ippolito portatore di corona”, la psicoanalista Alessandra Astorina su “La verità della vergogna o la vergogna della verità?”. Sabato durante la sessione pomeridiana alle 15.30 lo psicoanalista Riccardo Romano tratterà “Il rapporto tra la vergogna e l’amore per sé o per gli altri” e la psicoanalista Cinzia Carroccio proseguirà con il racconto del mito, seguirà la discussione e la visione di “Aiace” di Sofocle al Teatro Greco di Siracusa.

Domenica 2 giugno alle 9.30 presiederà i lavori lo psicoanalista Riccardo Romano e interverranno lo psicoanalista Nicola Nociforo su “L’amore vergognoso e la vergogna amorosa. Una pubblic/azione”, la psicoanalista Cinzia Carroccio su “Aiace: il lavoro dell’eroe”, la psicologa e psicoterapeuta Angela Maria La Rosa su “L’incontro: tra Agalma e godimento” e lo psichiatra e psicoanalista Luca Caldironi con “Mi sto commuovendo… e pensare che so già come va a finire – Hybris e le sue trame”. Il poeta Salvatore Solarino getterà un ponte tra le due tragedie con “Intermezzi” di poesie.

 

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.
× Segnala