Siracusa – Movimento Civico 4, parcheggio Talete: “Risolvere il contenzioso con la Regione e restituire alla città l’affaccio sul mare”

Siracusa, 11 ottobre 2021. “Civico4” ha incontrato lo scorso 9 ottobre il portavoce del comitato “Levante libero”, Giuseppe Implatini, per fare il punto della situazione sulla battaglia civile che riguarda la restituzione alla città dell’affaccio sul mare ostruito dalla presenza del parcheggio Talete e la risoluzione del contenzioso con la Regione Siciliana per la realizzazione di questa sola opera accessoria nell’ambito di un più complesso finanziamento che riguardava il collegamento di Ortigia con la terraferma.
I due aspetti, secondo “Civico4”, non possono essere tra di loro scollegati, in quanto la definizione del secondo determina le condizioni per puntare all’abbattimento del “Talete”. Per questa ragione, “il silenzio dell’attuale Amministrazione comunale è preoccupante in relazione alla disponibilità manifestata dall’assessore regionale competente a trovare una soluzione bonaria e alla spada di Damocle dell’udienza di secondo grado prevista nel febbraio del 2022”, dichiara il leader Michele Mangiafico.
Anzitutto, “Civico4” ritiene che l’attuale Amministrazione comunale dovrebbe assumersi la responsabilità di fare una proposta alla Regione Siciliana per chiudere il contenzioso, anche a valle dell’analisi della situazione finanziaria dell’ente fatta dal movimento.  
“A guardare la programmazione finanziaria dell’attuale Amministrazione comunale, sorge più di una preoccupazione rispetto alla scopertura del bilancio comunale di fronte al contenzioso che riguarda il “Talete”. A pagina 60 della “Relazione dell’organo esecutivo al Rendiconto 2020”, la voce relativa alla potenziale passività che potrebbe maturare dal contenzioso con la Regione Siciliana per la realizzazione del parcheggio Talete non viene inserita né tra i debiti fuori bilancio non riconosciuti né tra le passività potenziali. Lo stesso Piano esecutivo di gestione del 2021, sia al capitolo 4258.1 sia al capitolo 4258.2, ivi comprese le annualità 2022 e 2023, non contempla somme utili al pagamento di questo debito (complessivamente i due capitoli ammontano a circa 1,5 milioni di euro e comprendono anche i debiti da sentenze). –spiega Mangiafico – Cosa accadrebbe, quindi, se nel febbraio del 2022 il secondo grado di giudizio confermasse quanto già disposto dal primo, ovvero la necessità di restituire la somma di dieci milioni di euro? Sarebbe in grado l’attuale bilancio comunale di resistere a fronte dell’attuale esposizione che vede già un disavanzo accertato alla data dello scorso 31 dicembre di circa 24 milioni di euro, al netto delle eventuali passività potenziali?”
In secondo luogo, “Civico4” abbraccia la battaglia civile per la liberazione dell’affaccio sul mare sul lungomare di Levante, anche in funzione della programmazione e dello sviluppo di un trasporto pubblico via mare, che alleggerisca l’attuale traffico veicolare e che riconsegni a cittadini e turisti anche l’opportunità della fascinazione della città vista dal mare.
“Un accenno di quali possano essere gli intendimenti dell’attuale Amministrazione comunale sul “Talete” si trova a pagina 12 della relazione della Giunta Municipale di accompagnamento al Consuntivo 2020, dove dice: “ripensare i parcheggi della Marina e Talete ad uso esclusivo dei residenti”. Potrebbe trattarsi di una visione del “Talete” come di un enorme garage sul mare per i residenti di Ortigia, in alternativa alla restituzione della “Marinella” alla città e i turisti che non ci sentiamo di condividere e su cui invitiamo l’Amministrazione comunale ad un ripensamento. –continua Mangiafico – Infine, “Civico4” affronta la questione dei finanziamenti esterni che potrebbero essere in grado di alleggerire ogni iniziativa relativa all’area del lungomare di Levante. Da un lato, l’Amministrazione comunale si trova ancora in una posizione di credito rispetto ad una parte dei 600 mila euro degli oneri di urbanizzazione dovuti dalla proprietà dell’Ortea Palace per una cifra di circa 300 mila euro, per la riqualificazione dell’area del Talete. Dall’altra, l’occasione storica passa anche dagli strumenti offerti dai provvedimenti normativi volti alla ripresa e alla resilienza, a valle della crisi sociosanitaria degli ultimi due anni. “
“Una serie di treni – conclude Mangiafico – che nessuna Amministrazione comunale dovrebbe dare per scontato che ripasseranno anche in futuro, senza intraprendere alcuna iniziativa politica”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.