Avola, Aggrediscono e rapinano una coppia con un bastone: Polizia e Carabinieri arrestano un uomo e cercano i complici

Ieri, ad Avola, il  sinergico lavoro dei Carabinieri di Noto e del personale del Commissariato di Polizia di Avola ha consentito di  arrestare in flagranza del reato di rapina aggravata Francesco Bellomo, 31 anni.
In fatto accaduto poco prima, una coppia di coniugi di Noto, si inoltravano   verso la propria autovettura per andare a fare alcune commissioni. In quel momento l’uomo, insieme ad altri due complici in corso di identificazione, approfittando della distrazione della coppia colpendoli entrambi con un bastone in plastica dura, sottraeva la borsa della donna per poi darsi a fuga.  Sul posto immediatamente giungevano i Carabinieri che, dopo aver prestato i primi soccorsi alle vittime ed aver raccolto le prime informazioni, avviavano le ricerche degli autori del reato.
Uno di essi, Francesco Bellomo, individuato grazie alla descrizione fisica fornita dalle vittime, veniva rintracciato all’interno di una sala scommesse del centro cittadino di Avola da agenti del Commissariato. Sottoposto a perquisizione, estesa anche alla sua auto, veniva trovato in possesso di numerosi attrezzi atti allo scasso e, soprattutto, di una somma di denaro di 330 euro coincidente (anche per il taglio delle banconote) con il provento della rapina ed evidentemente spartito in parti uguali tra i tre autori.
Il denaro e gli oggetti rinvenuti nel corso della perquisizione sono stati sequestrati. I malviventi, durante la fuga, si erano già sbarazzati della borsa e del bastone utilizzato per l’aggressione, il tutto rinvenuto dal personale operante. Le vittime, trasportate per le cure mediche del caso presso l’ospedale Trigona di Noto, se la caveranno con pochi giorni di prognosi ciascuno. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.