Il Palazzo della cultura di Sortino nello storico edificio della municipalità

Il Palazzo della cultura di Sortino nello storico edificio della municipalità. Lo ha istituito la Giunta comunale, con il sindaco Vincenzo Parlato in testa, che ha ritenuto quella individuata una struttura storica, di pregio e simbolica nella storia della comunità nella quale possano essere fruiti dai cittadini contenuti culturali diverse, ospitando laboratori educativi e culturali con percorsi didattici e formativi per un’utenza che va dalla scuola alle professioni.

Adesso verrà avviata la procedura per il riconoscimento da parte della Regione e la redazione del regolamento che sarà poi sottoposto al Consiglio comunale. Intanto, però, si avviano tutti gli atti per il trasferimento definitivo della biblioteca comunale nei locali finora utilizzati dal circolo ricreativo Rinascita e l’allestimento di nuovi locali per la conservazione dell’archivio storico comunale. Spetterà all’ufficio tecnico l’adeguamento della struttura con eventuali interventi di manutenzione e ristrutturazione per consentire la fruizione dei cittadini.

“Era uno degli obiettivi prioritari dell’amministrazione comunale – dice il sindaco Parlato – promuovere la biblioteca all’interno di un progetto di fruizione dei beni culturali sempre più ampio. In questo modo i ragazzi che già usufruiscono dei servizi della biblioteca Gurciullo potrebbero accedere a spazi più ampi e la città avrà un contenitore che potrà fa entrare in sinergia diversi prodotti culturali, dalle esposizioni pittoriche e fotografiche alla fruizione di materiale multimediale, da spettacoli e allestimenti dal vivo alla fruizione di beni archeologici. Riusciamo così nell’intento di migliorare i servizi offerti ai cittadini nell’ottica di una razionalizzazione sul territorio”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.