Manovra- Ok della Camera alla fiducia, la manovra passa al Senato

Via libera dell’Aula della Camera alla Manovra.

Il testo è stato approvato a Montecitorio con 197 voti a favore, 129 contrari e due astenuti.

Ora la manovra passa al Senato, che la esaminerà dal 27 dicembre.

Ok della Camera dei deputati alla fiducia al governo sulla manovra: 221, 152 no e 4 astenuti. Ora la lunga nottata per approvare il testo. Poi la finanziaria approderà al Senato per un iter blindato.

Intorno alle 23:30 l’Aula della Camera ha ultimato l’esame degli articoli della manovra. Sono stati approvati gli emendamenti presentati dal governo alle tabelle. L’Assemblea è quindi passata all’esame dei circa 240 ordini del giorno.

“È come gli aerei, quando c’è un po’ di turbolenza, l’importante è atterrare”. Le parole del ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti raccontano il volo della legge di bilancio, tormentato da imprevisti anche prima di toccare terra.

L’emendamento per inserire la Carta cultura giovani nei giorni scorsi aveva di fatto escluso i fondi per l’acquisto di Villa Verdi da parte dello Stato, per la cui salvezza un mese fa si era impegnato il ministro Gennaro Sangiuliano. Un errore, una svista, un ripensamento, non è chiaro. Fatto sta che il governo, a ridosso della maratona notturna in Aula, ha inserito la residenza che fu del compositore fra le esigenze indifferibili: così sono stati spostati 20 milioni di euro dal fondo del ministero dell’Economia a quello della Cultura, modificando una delle tabelle allegate al provvedimento da 35 miliardi di euro complessivi. “Una forzatura”, protestano le opposizioni, anche perché su Villa Verdi “era già stato discusso un emendamento in commissione”.

È l’ultima di varie retromarce e correzioni in corsaCome per il refuso che eliminava il tetto al contante assieme alla norma sul Pos. O l’emendamento da quasi mezzo miliardo per i Comuni, senza copertura, che dopo i rilievi della Ragioneria di Stato ha costretto a un passaggio supplementare in commissione Bilancio per lo stralcio.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.