Siracusa, brogli elettorali: 10 a giudizio

Il fascicolo d’inchiesta era stato aperto della Procura di Siracusa dopo la denuncia di Ezechia Paolo Reale, candidato a sindaco, arrivato secondo al ballottaggio con l’attuale sindaco, Francesco Italia.

Sono dieci le persone tra presidenti e segretari di seggio rinvia ti a giudizio dl Gup del tribunale di Siracusa, tra presidenti e segretari di seggio, indagati nell’ambito dell’inchiesta sui presunti brogli elettorali alle elezioni amministrative del 2018 a Siracusa. L’accusa a vario titolo di avere omesso di inserire nei verbali il risultato dello scrutinio relativo alla carica di sindaco, o compilare il prospetto riepilogativo dello scrutinio e aver inserito un numero di voti di preferenza non coerenti con il numero dei voti di lista.

Reale ha anche presentato ricorso al Tar di Catania che aveva annullato la proclamazione di Italia. Il Cga aveva ribaltato la decisione del Tar, e il sindaco era tornato in carica.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.