Argentina, è morta la terza donna vittima di un attacco incendiario a un gruppo LGBT+

La terza vittima di un attacco con molotov a una stanza d’albergo di Buenos Aires dove vivevano due coppie di donne è morta, ha dichiarato un leader della Federazione LGBT+ argentina. “La terza vittima dell’attacco è morta alle 10 di oggi”, ha dichiarato Marìa Rachid, leader della Federazione LGBT+ argentina, a quasi una settimana dall’attacco, che gli attivisti considerano un crimine d’odio. Nelle prime ore di lunedì mattina, un uomo di 62 anni ha dato fuoco alla stanza di una pensione della capitale argentina dove vivevano due coppie lesbiche lanciando un esplosivo. Una donna è morta martedì, un’altra mercoledì e una terza domenica a causa delle ustioni riportate. La quarta, che ha riportato ferite minori, “si sta riprendendo e ha una buona prognosi”, ha detto Rachid. L’aggressore è stato arrestato e si trova in ospedale dopo essersi inflitto lesioni.

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.
× Segnala