Coronavirus, Vera Carasi della Cisl: “tutelare la salute dei lavoratori e dei cittadini“

Siracusa, 18 aprile ’20 – “Il sindacato ha un ruolo ben preciso: quello di tutelare ogni forma di lavoro, ognuno dei lavoratori e, di conseguenza, i cittadini. Se qualcuno pensa, in piena emergenza sanitaria, anche attraverso mezzi vari di comunicazione, di trascinare la Cisl in un calderone di pur legittime diverse posizioni, si sbaglia di grosso. Accetti denunce e segnalazioni del sindacato, ne faccia tesoro e si attivi per rimediare agli errori commessi e che mettono a rischio la salute pubblica.”
Così Vera Carasi, segretario generale della UST Cisl Ragusa Siracusa, interviene nel dibattito aperto su petizioni, richieste dimissioni e difese d’ufficio della dirigenza ASP.
“Ritengo sia necessario che a ognuno di noi venga riconosciuto il proprio ruolo – continua il segretario Carasi – La Cisl, nel pieno rispetto di ogni iniziativa intrapresa, democraticamente, da ogni singolo cittadino, non può limitarsi alla raccolta di firme, né può limitarsi a richieste di dimissioni. Qualsiasi azione è rivolta, soprattutto, e ancora di più in questo momento storico, alla segnalazione di criticità, alla denuncia di macroscopici errori, alla proposta di rimedi e soluzioni. Tutto questo, naturalmente, finalizzato alla salvaguardia della salute: degli operatori sanitari tutti e, di conseguenza, dell’intera comunità.”
I dati e le numerose segnalazioni raccolte dalla Cisl territoriale in queste settimane, fanno già parte di un dossier.
“Vogliamo sia chiaro – aggiunge Vera Carasi – che a nessuno consentiremo di utilizzare la Cisl come strumento per alimentare confusione o assai banali strategie comunicative. Sarebbe un’offesa all’intelligenza e, cosa ancora più grave, a tutti quei lavoratori che stanno fornendo cospicuo materiale su errori, mancanze, omissioni.
Ribadiamo che le istituzioni preposte, ASP e comuni, devono obbligatoriamente informare i cittadini del reale e veritiero stato delle cose. Non può sicuramente essere il sindacato a sostituirsi, quasi, alla Protezione Civile e raccogliere dati.
Grazie a questo sindacato, carte alla mano, – conclude il segretario della UST Ragusa Siracusa – si è intervenuti al pronto soccorso di Siracusa, in reparti strategici e sensibili dell’Umberto I. Si è smossa la coscienza e accesa l’attenzione sull’ospedale Di Maria di Avola e al Muscatello di Augusta. Questo è il ruolo del sindacato, questo è il compito che la Cisl intende portare avanti.”

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.