Floridia, sprint fra Carianni e Burgio per la poltrona di sindaco

Floridia si appresta a vivere il ballottaggio. Oggi, ultimo giorno di campagna elettorale, i due sfidanti stanno affilando le armi. Cominciamo con Marco Carianni, candidato della lista civica che al primo turno è risultato il più votato fra i sette che ambivano alla poltrona di primo cittadino. Carianni ha presentato la squadra degli assessori che è formata da professionisti che, dice, aiuteranno la città ad uscire dalla palude in cui è piombata negli ultimi anni. Se oggi Floridia rischia il default, è anche per le nomine politiche del passato degli assessori. Inciuci ed intrallazzi che non ci appartengono. Vedrete che i floridiani capiranno i motivi di questa scelta”. Nessun imbarazzo per il giovane aspirante sindaco, soprattutto quando gli assessori della sua squadra cominciano a parlare.
Degli assessori designati fanno parte Gianfilippo Marino, ragioniere capo di Cefalù e Pietraperzia. Antonio Nizza, architetto, si occuperà di Urbanistica e di Lavori pubblici. L’insegnante Paola Gozzo, una lunga militanza in Primavera floridiana e sindacalista della Cgil nel settore della scuola.
Giovanni Ricciardi, sottufficiale della Capitaneria di Porto, in servizio ad Augusta, ceh dovrebbe occuparsi del Personale. Marieve Paparella. Per 35 anni ha lavorato al Comune e conosce fatti e misfatti delle cose di Palazzo. E’ stata al vertice dell’Anagrafe, ma anche capo di gabinetto del sindaco.
—-
Ora, Riparti Floridia e Cambiala sono i nomi delle tre liste civiche con le quali Salvo Burgio si è candidato alla poltrona di Sindaco del Comune di Floridia, ma sono anche i tre slogan sui quali ha basato la propria campagna elettorale e sui quali orienta più che mai la sua forza e il suo progetto politico, alla vigilia del ballottaggio con Marco Carianni. Sono stati ben mille i voti di differenza tra Burgio e Carianni, al primo turno, a favore del giovane avversario, ma ciò non diminuisce la possibilità di lottare fino all’ultima preferenza per la scelta di domenica. “Non possiamo più consentirci di perdere tempo. Non c’è più tempo”, è il proclama di Burgio per la scalata a primo cittadino di Floridia, lui che è già stato assessore e vicesindaco nella precedente giunta guidata da Limoli.
“Al ballottaggio correrò da solo – ha dichiarato Burgio – perché un sindaco deve avere la sua giunta, ma anche la sua maggioranza in consiglio comunale.”
Scelta uguale a Carianni che ha pure affermato che non farà alcun apparentamento.
“La mia indennità sarà dimezzata – ha precisato Burgio – perché al termine del mandato ho deciso che voglio lasciare un segno nel mio paese e insieme ai cittadini floridiani decideremo come spenderli in opere pubbliche. Nel mio programma – ha spiegato Burgio – un punto a cui tengo molto è l’istituzione del “Custode Sociale”, una figura che intratterrà i rapporti con i residenti dei quartieri e l’amministrazione, con le associazioni di volontariato, per monitorare le fasce più deboli per aiutare quelli che oggi vengono considerati gli ultimi.”
Questi i nomi degli assessori designati se Salvo Burgio dovesse farcela: Silvana amato, Rita Pappalardo, Paolo Teodoro, Renzo Spada e Carmelinda Giuliano.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.