L’esercito nigeriano salva gli studenti rapiti all’inizio di questo mese

L’esercito nigeriano ha salvato studenti e personale che sono stati rapiti da uomini armati da una scuola nel nord del paese all’inizio di questo mese, hanno detto i militari, giorni prima della scadenza per il pagamento di un riscatto.

I funzionari scolastici e i residenti avevano detto che 287 studenti sono stati presi il 7 marzo nella città di Kuriga, nello stato nord-occidentale di Kaduna. Un portavoce militare ha detto che 137 ostaggi – 76 femmine e 61 maschi – sono stati salvati nelle prime ore di domenica nel vicino stato di Zamfara.

“Nelle prime ore del 24 marzo 2024, i militari, lavorando con le autorità locali e le agenzie governative in tutto il paese in un’operazione coordinata di ricerca e soccorso, hanno salvato gli ostaggi”, ha detto il maggior generale Edward Buba in una dichiarazione.

Una fonte di sicurezza ha detto che gli studenti erano stati liberati in una foresta e venivano scortati nella capitale di Kaduna per test medici prima di essere riuniti con le loro famiglie.

Il governatore di Kaduna, Uba Sani, in precedenza ha messo il numero di persone rapite a più di 200. Date le discrepanze nei numeri riportati, non era chiaro se degli ostaggi rimanessero nelle mani dei rapitori. Alcuni anziani di Kuriga hanno detto che Sani aveva detto loro che tutti gli ostaggi erano stati liberati.

Jibrin Aminu, un portavoce dei genitori di Kuriga, ha detto che avrebbe chiarito i numeri lunedì, quando alle famiglie è stata data la possibilità di “prendere conto dei loro figli rapiti”.

Il salvataggio ha avuto luogo giorni prima della scadenza per pagare un riscatto di 1 miliardo di naira (548.000 sterline) per il loro rilascio.

I rapimenti nelle scuole nigeriane sono stati effettuati per la prima volta dal gruppo jihadista Boko Haram, che ha sequestrato 276 studenti di una scuola femminile a Chibok, nel nord-est dello stato di Borno un decennio fa. Alcune delle ragazze non sono mai state rilasciate.

Da allora, la tattica è stata adottata da bande criminali senza affiliazione ideologica. I rapimenti da parte di bande criminali che chiedono riscatti sono diventati un evento quasi quotidiano, specialmente nel nord della Nigeria, costringendo le famiglie e le comunità a vendere terreni, bestiame e grano per garantire il rilascio dei loro cari.

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.
× Segnala