Mafia, depistaggio Borsellino : le telefonate di Scarantino

Decine di telefonate ai familiari, ai poliziotti che si occupavano della sua sicurezza e ai pm che gestivano la sua collaborazione con la giustizia. Richieste, nevrosi e inquietudini del falso pentito Vincenzo Scarantino, registrate dagli inquirenti che lo intercettavano mentre era sotto protezione, depositate ora al processo per il depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio. Sotto accusa tre dei poliziotti del pool che indagava sull’attentato. Agli atti le conversazioni con la pm Annamaria Palma e il pm Carmelo Petralia, che coordinavano l’inchiesta, e che ora sono indagati a Messina con l’accusa di aver imbeccato il falso pentito. In una telefonata con Petralia Scarantino parla della sua imminente deposizione al processo. “Contemporaneamente iniziamo un lavoro importantissimo che è quello della sua preparazione alla deposizione al dibattimento”, gli diceva il pm.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.