Priolo punta sulle bici per un risparmio energetico

Il Decreto Rilancio prevede l’erogazione del beneficio ai Comuni con popolazione superiore a 50mila abitanti, considerato che il nostro paese non rientrava nel beneficio, abbiamo pensato di attivarci con le nostre risorse economiche.

Il contributo economico è fissato per un massimo di 400 euri per bici tradizionali, bici elettriche a pedalata assistita e ciclomotori elettrici.

Tutti possono partecipare senza alcun limite di reddito.
L’obiettivo è “Risparmio economico per le famiglie e riduzione delle emissioni inquinanti”, disincentivo all’utilizzo di mezzi pubblici come misura di contrasto al virus.
“Dopo il grande successo ottenuto con il primo bando bici – afferma il presidente del consiglio comunale di Priolo, Alessandro Biamonte – abbiamo accolto e soddisfatto la richiesta di innumerevoli cittadini di riaprire i termini dell’avviso. L’acquisto deve essere effettuato tra la data del 19 giugno ed il 30° giorno successivo alla data di pubblicazione del presente avviso. Dopo il 20 agosto saranno erogati i contributi per 66 cittadini aventi diritto che hanno partecipato al primo bando.
La soddisfazione più grande è l’apprezzamento dei cittadini per l’iniziativa. Abbiamo inserito nelle ultime variazioni 50mila euro per installazione di rastrelliere per bici, creazione stazione “bike lab”.
“Stiamo lavorando per poter fare un’ulteriore passo avanti in questa direzione, sperando di poter essere per i cittadini uno stimolo a lasciare l’auto in garage e a usare, sempre di più la bici.L’idea è questa ogni stazione di “bike lab” dovrà includere tutti gli strumenti necessari per eseguire la ricarica elettrica la riparazioni di base e manutenzione della propria bicicletta, per gonfiare le gomme e per regolare i freni e deragliatori. Ricordo che il bando bici scade il 22 agosto.

#UnapedalataperlaVita
#passodopopasso 🐾
#prospettivaAmbienteeSalute

Il presidente del consiglio
Alessandro Biamonte

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.