Sequestrati 800mila euro beni per bancarotta, tre a processo – Indagini Finanzieri Vittoria

Le Fiamme gialle del comando provinciale di Ragusa, coordinate dalla Procura Iblea, hanno eseguito un sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie per oltre 800.000 euro nei confronti di un’azienda operante nel commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli.
    Nell’ambito dell’inchiesta coordinata dalla Procura Iblea sono indagate tre persone che sono state rinviate a giudizio per emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio.

Al centro delle indagini dei Finanzieri della compagnia di Vittoria il fallimento di una società Ipparina.

Gli accertamenti, secondo l’accusa, avrebbero permesso di far emergere la sottrazione al pagamento di debiti erariali per oltre 1,5 milioni di euro, tramite il trasferimento fraudolento degli asset societari a una nuova impresa operante nello stesso settore, formalmente intestata alla moglie del rappresentante legale della società fallita. L’azienda avrebbe fatto assumere fittiziamente i propri dipendenti a una società terza, risultata essere una cartiera di fatto riconducibile al medesimo imprenditore di Vittoria, che avrebbe emesso fatture inesistenti per la somministrazione di manodopera. Questo meccanismo, ricostruisce la Guardia di finanza, avrebbe permesso di ottenere un indebito risparmio d’imposta per la neo costituita società, quantificato in oltre 500.000 euro, e di far ricadere gli oneri contributivi sulla cartiera, che non ha mai provveduto ad alcun adempimento fiscale e previdenziale. Secondo la Finanza, inoltre, sarebbero stati reinvestiti circa 300.000 euro di provviste illecitamente accumulate, tramite un sistema di giroconti, in un’ulteriore impresa operante nel settore della ristorazione, anch’essa riconducibile alla moglie del rappresentante legale della società fallita.
Il gip di Ragusa, accogliendo la richiesta della locale Procura, ha disposto il sequestro del complesso aziendale e di somme di denaro e beni fino alla concorrenza di oltre 800.000 e il rinvio a giudizio degli indagati

 

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.
× Segnala