telecamere avvalorano la tesi del suicidio di Onorato. La lettera alla famiglia: ‘L’avvocato sa tutto’

L'architetto avrebbe indicato chi poteva danneggiarlo

In una lettera Angelo Onorato, l’architetto marito dell’eurodeputata Francesca Donato, trovato morto ieri in auto con una fascetta stretta attorno al collo, avrebbe scritto alla famiglia che stava affrontando un momento difficile e che se gli fosse successo qualcosa si sarebbero dovuti rivolgere all’avvocato “che conosce tutta la situazione”.

Il legale, un tributarista, è stato sentito ieri dalla polizia.

L’imprenditore si affidava al professionista per gli aspetti fiscali della sua società. Gli investigatori lo avrebbero ascoltato per accertare la situazione economica di Onorato ed eventuali collegamenti con la sua morte per questione di debiti o crisi finanziaria.

Nel biglietto di Onorato ci sarebbero anche indicazioni generiche su chi avrebbe potuto danneggiarlo.

Moglie e figlia di Angelo Onorato continuano a ripetere che il congiunto non si è suicidato ma sarebbe stato ucciso. Ma le immagini delle videocamere di sorveglianza avvalorano la tesi del suicidio.

Il suv di Onorato era parcheggiato in un punto cieco tra due telecamere di sorveglianza. Dalle registrazioni delle immagini è evidente che nessun veicolo si è fermato nei pressi del Range Rover del professionista perché tutte le macchine “filmate” sono passate in un tempo incompatibile con una sosta. Né è stato ripreso alcun passante a piedi. Le circostanze avvalorerebbero la tesi del suicidio, tranne ipotizzare che il killer si sia allontanato arrampicandosi sul muro, alto almeno due metri, che delimita l’autostrada per evitare di essere ripreso.

La vittima a un parente: ‘Ho una questione da risolvere’

“Vado a risolvere una questione con una persona di Capaci, spero in maniera bonaria”. Lo avrebbe detto a un parente, ieri, secondo quanto si apprende in ambienti vicino alla famiglia, Angelo Onorato- L’uomo in mattinata sarebbe andato a prendere un familiare all’aeroporto e lo avrebbe poi portato ad una festa organizzata per un battesimo, in un comune vicino Palermo.

Nessun segno di violenza su corpo

Nessun segno di violenza sarebbe stato trovato sul cadavere di Angelo Onorato. Emerge dai primi accertamenti medico-legali sul corpo che si trova nell’istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo.

Le analisi sembrerebbero propendere dunque per la tesi del suicidio. L’architetto aveva i mocassini sfilati dai piedi e una chiazza di sangue sulla camicia compatibile con il gesto estremo.

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.
× Segnala