Beni culturali, un Piano per la riqualificazione dei musei siciliani

Un Piano per la sicurezza e la riqualificazione dei musei siciliani. Lo ha annunciato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, intervenendo alla presentazione, a Palazzo Abatellis a Palermo, della mostra di sette capolavori perduti e ricostruiti attraverso l’uso di tecnologie avanzate.
Fino all’8 dicembre saranno esposte le riproduzioni di grandi opere realizzate tra il XVII secolo e il Novecento di cui non esistono più gli originali perché distrutti, bombardati o rubati. Sono copie realizzate dalla Factum Arte con la tecnica digitale della “ri-materializzazione”: la stessa che ha fatto rinascere la Natività del Caravaggio, rubata 50 anni fa all’Oratorio di San Lorenzo a Palermo. L’operazione è stata curata da Sky Arte che su ogni capolavoro ha realizzato anche un documentario. L’esposizione, inserita tra gli eventi delle “Vie dei tesori”, è stata voluta dall’associazione degli Amici dei musei siciliani presieduta da Bernardo Tortorici di Raffadali in occasione del mezzo secolo dal furto della Natività.
«Il Piano sulla sicurezza dei musei – ha spiegato il governatore – prevede un bando internazionale e nasce dall’esigenza di tutelare una vasto patrimonio artistico esposto al rischio di razzie. Molti capolavori sono precariamente custoditi in strutture come chiese e oratori. Abbiamo promosso un Piano per potenziare la sorveglianza e per mettere in rete tutti gli spazi museali sia pubblici che privati».
Le copie riprodotte sono: “Medicina” (1900-1907) di Gustav Klimt, “Ninfee” (1914-1926) diClaude Monet, “Vaso con cinque girasoli” (1888) di Vincent Van Gogh, “Concerto a Tre” (1663-1666) di JanVermeer, “Ritratto di Winston Churchill” (1954) diGraham Sutherland, “Myrto” (1929) di Tamara de Lempickae”La torre deicavalli azzurri” (1913) di Franz Marc.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.