Fava, per pm di Agrigento no legami Ong-trafficanti

“Con il procuratore Patronaggio abbiamo parlato di molte cose, affrontando anche il nodo delle incompatibilità fra il decreto sicurezza bis, la Costituzione ed i trattati internazionali del mare”. Lo ha detto il presidente della commissione regionale Antimafia Claudio Fava incontrando i giornalisti a Palazzo dei Normanni al termine dell’audizione del capo della Procura di Agrigento Luigi Patronaggio a proposito delle indagini relative ai salvataggi dei migranti, delle minacce ricevute dal magistrato. “I porti libici non offrono alcuna garanzia di sicurezza per i migranti – ha detto Fava – che non devono solo essere salvati in mare ma anche accompagnati in luoghi nei quali siano rispettati i loro diritti. Il procuratore ha escluso che possano esserci responsabilità penali sul versante dei rapporti fra le Ong e le organizzazioni criminali. Non può bastare una telefonata di un trafficante che segala la presenza di migranti ad affermare che vi sia complicità con le Ong”.

Fonte Ansa

 

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.