Istituzione del “Parco degli Iblei” – Il Sindaco di Melilli, On. Carta “Sospendiamo l’iter”

Melilli, 27 aprile 2023 – Verificare la regolarità delle procedure per l’istituzione del Parco Nazionale degli Iblei. Incidenza sul tessuto economico delle imprese agricole e mancata collegialità e concertazione, di tutti gli attori coinvolti, nella redazione di un documento d’indirizzo relativo all’analisi territoriale dell’area da destinare a protezione, perimetrazione e individuazione degli obiettivi da perseguire” questi, in sintesi, i dubbi sollevati dall’interrogazione, posta sull’argomento, dal Presidente della IV Commissione “Ambiente, Mobilità e Territorio”, On. Giuseppe Carta, indirizzata al Presidente della Regione e all’Assessore per il Territorio e l’Ambiente.
Una querelle che parte da lontano, precisamente dal 2007 quando con il decreto legge n. 159, su proposta dell’allora Ministro per l’Ambiente, si definiva l’istituzione, in Sicilia, di quattro Parchi nazionali, tra cui il Parco degli Iblei.
Il Parco, con un’estensione stimata di 150 mila ettari, rappresenterebbe la più grande area protetta in Sicilia e il più ampio parco nazionale dell’isola con i suoi 32 comuni coinvolti, tra cui ben 18 nella provincia di Siracusa.
Al suo interno troveremmo le riserve naturali di Pantalica e Valle dell’Anapo, Cavagrande del Cassibile, il complesso speleologico Villasmundo – Sant’Alfio e le Zone SIC (Siti di Importanza Comunitaria) e ZPS (Zone di protezione Speciale).
“La tuteladelle attività economiche insediate nell’area, che costituiscono il polmone economico di un territorio altrimenti destinato alla marginalizzazione, e la messa in sicurezza di un’intera zona ad elevato rischio idrogeologico che necessiterebbe della realizzazione di opere idraulichepropedeutiche alla regimazione delle acque superficiali, sarebbero, di fatto, impossibili con i vincoli caratteristici tipici di un Parco nazionale. Vincoli che avrebbero riflessi importanti anche rispetto alla gestione dell’attività venatoria, fondamentale contro il fenomeno dilagante della crescita esponenziale di esemplari di cinghiai di fenotipo selvatico”le parole dell’On. Carta “Pertanto bisogna riflettere su un’opportuna integrazione istruttoria sull’incidenza del regime vincolistico sulle esigenze del territorio e sulle attività economiche,nonchè sulla reale necessità dell’istituzione del Parco individuando forme alternative di tutela ambientale del territorio atte a garantire lo svolgimento delle attività delle filiere produttive”

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

× Segnala