La carestia di Gaza potrebbe portare una sentenza di genocidio contro Israele

A gennaio, la Corte internazionale di giustizia ha risposto a una petizione che le chiedeva di dichiarare che la campagna di Israele a Gaza equivaleva a un genocidio. Con delusione del firmatario, il Sudafrica, la corte sembrava concludere che la campagna di Israele non era intrinsecamente genocida, affermando essenzialmente il principio del diritto di Israele all’impegno militare per scopi come l’autodifesa, il perseguimento di terroristi e il salvataggio degli ostaggi. La Corte ha anche rifiutato di chiedere un cessate il fuoco, cosa che le era stata anche chiesta di fare.

La corte ha concluso, tuttavia, che era “plausibile” che si siano verificati crimini legati al genocidio – forse ma non necessariamente incluso il genocidio stesso – (una scoperta che ha attirato l’ira di Israele). In sei “misure provvisorie”, la corte ha effettivamente messo in guardia Israele. Due delle misure hanno essenzialmente esortato Israele e le sue forze di difesa a garantire che il genocidio non si verificasse nel corso della risposta al 7 ottobre; un’altra ha costretto Israele a proteggersi dall’incitamento al genocidio. Altri due riguardavano la conservazione delle prove e la segnalazione alla Corte. La corte ha anche esortato Israele a “affrontare le condizioni di vita avverse affrontate dai palestinesi nella Striscia di Gaza”.

Vale la pena chiedere, date le preoccupazioni della corte, se la crisi umanitaria costituisca un genocidio. In termini legali, se la situazione può essere considerata un atto (o una politica) di genocidio dipende dall’analisi della formulazione completa della clausola 2(C ): se le condizioni sono state “deliberatamente inflitte”, se riflettono un calcolo “per portare . . . la distruzione” della popolazione palestinese di Gaza e, in caso affermativo, se si può trovare una “intenzione di distruggere” almeno una parte di quella popolazione alla base di tale calcolo.

In termini laici, il caso è meno complicato. Il movimento forzato di gran parte della popolazione di Gaza dal nord del territorio verso rifugi e città di tende nel sud, intrecciato con la politica di limitare i soccorsi a tutta Gaza, ha reso la carestia praticamente inevitabile. Qualsiasi valutazione plausibile delle conseguenze di queste politiche dovrebbe costituire un calcolo che la popolazione affronterebbe il tipo di rischi che ora affronta. In effetti, le proiezioni alla fine dell’anno scorso da parte della rete Famine Early Warning Systems hanno sollevato esattamente queste preoccupazioni.

Inoltre, misure pericolose, in lento sviluppo e tristemente insufficienti di mitigazione della carestia come le gocce d’aria e i moli temporanei dimostrano sia la consapevolezza della necessità di aiuti a livello politico sia la volontà di essere delirantemente soddisfatti delle misure di cerotto. Che Israele abbia citato queste misure, anche se sono state intraprese da altri paesi, come prova della sua buona volontà e delle sue intenzioni pulite, è schiacciante piuttosto che esenso.

Ciò di cui Gaza ha bisogno è un massiccio sforzo di soccorso ben coordinato. La cessazione delle ostilità è un prerequisito per questo. La recalcitranza da parte di Israele o di Hamas nel raggiungere quella cessazione è inseparabile dalla responsabilità per la crisi umanitaria. In assenza di fiducia tra loro, entrambe le parti dovrebbero impegnarsi a consentire a una terza parte, che si tratti delle Nazioni Unite, degli Stati Uniti, dell’UE, dell’Arabia Saudita o di altri stati arabi, o chiunque possa essere negoziato per svolgere il ruolo, di supervisionare la consegna degli aiuti e monitorarne la distribuzione. I dibattiti politici su questioni come lo status di sovranità, le garanzie di sicurezza e la responsabilità per i crimini internazionali sono una parte essenziale della soluzione a medio termine per Gaza, ma possono iniziare solo dopo che la crisi umana di Gaza è stata affrontata.

La ragione per agire non è che la Corte internazionale di giustizia possa imporre il mandato. Né perché il mancato azione solleva la possibilità che la corte faccia una constatazione di genocidio ai sensi della clausola 2(c) della Convenzione (anche se, potrebbe). La ragione per agire è la responsabilità morale di evitare una catastrofe umana prevenibile.

Comments

comments

By Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.
× Segnala