Priolo, l’ex sindaco Rizza: “Alta concentrazione di arsenico”. Gianni convoca gli esperti


La presenza di arsenico in alcune zone della città di Priolo, e in particolare in quella del Polivalente, avrebbe superato di dieci volte il limite imposto dalla normativa. La denuncia è dell’ex sindaco, Antonello Rizza, che ha scelto i social network per diramare i dati relativi al rapporto sulla qualità ambientale, eseguiti dall’Arpa. “Il mio non vuole essere un messaggio allarmistico – dice Rizza nel suo video messaggio – ma la constatazione di come l’attuale amministrazione comunale sia poco attenta ai dati rilevati dalle centraline di rilevamento dell’inquinamento atmosferico”, ha commentato Rizza punzecchiando più volte il sindaco Pippo Gianni, che sull’arsenico aveva poco prima detto che si tratti più di un “profilo psicologico”.
Il videomessaggio di Rizza non è passato inosservato e il sindaco Gianni ha convocato un tavolo tecnico urgente, per fare chiarezza sui dati diffusi via social, che evidenzierebbero, appunto, un’alta concentrazione di arsenico rilevata dalla centralina posta al Polivalente. Il primo cittadino ha avuto modo di interloquire della vicenda con il direttore dell’Arpa, Antonio Sansone Santamaria. L’incontro si terrà domattina (lunedì), alla presenza anche, dell’ing. Domenico Morello, dirigente del settore Tutela Ambientale del Libero consorzio comunale, del dott. Vincenzo Ingallinella dell’Asp e di esperti dell’Ufficio comunale. L’obiettivo quello di ottenere risposte chiare e definitive. Il sindaco Gianni ha anche chiesto e ottenuto per giovedì un incontro con il procuratore aggiunto Fabio Scavone.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.