Covid Sicilia – Sono 2904 positivi in più, 21 i morti – Dato si riferisce agli ultimi due giorni, tasso schizza al 7%

Dopo lo stop di ieri legato all’inchiesta sui falsi dati aperta dalla magistratura, oggi sono 2.904 i nuovi positivi al Covid in Sicilia su 14.623 tamponi processati, con una incidenza di positivi al 7,0% se si considera la media dei due giorni. Il dato è in fortte aumento rispetto ai giorni scorsi.

La regione è seconda per numero di contagi e ciò è inevitabile visto che la Sicilia conta i numeri di due giorni rispetto alle altre regioni che contano solo i dati delle ultinme 24 ore. Le vittime sono s 21 negli ultimi due giorni; 4.628 dall’inizio della pandemia.Il numero degli attuali positivi è di 19.920, con 2.503 casi in più rispetto a due giorni fa, mentre i guariti sono 380. Negli ospedali i ricoverati sono 1.031, 22 in più rispetto a due giorni fa. Quelli nelle terapie intensive sono 140, sette in più.
Questa la distribuzione dei nuovi positivi nelle province: Palermo 1.133, Catania 645, Messina 288, Siracusa 153, Trapani 165, Ragusa 64, Caltanissetta 211, Agrigento 147, Enna 98.

I comuni di Partinico e Borgetto chiedono la zona

I Comuni di Partinico e di Borgetto hanno chiesto al presidente della Regione Nello Musumeci l‘istituzione della zona rossa per almeno 15 giorni. La richiesta è stata avanzata dalla struttura commissariale che regge l’amministrazione a Partinico e il sindaco di Borgetto Luigi Garofalo.

“Abbiamo avuto un aumento esponenziale dei casi dice il sindaco Garofalo che è anche medico – Sono 200 i positivi a Partinico e 40 a Borgetto. Sono dati di due giorni fa. La richiesta di istituire una sola zona rossa che comprenda i due comuni ha anche l’avallo dell’ufficio territoriale dell’Asp che sta eseguendo i tamponi sulla popolazione. I casi sono aumentati, secondo le voci che circolano nei paesi per alcuni comportamenti censurabili da parte dei cittadini. Si parla di feste e incontri o scampagnate”. Adesso sarà la Regione che nelle prossime ore potrebbe emenare il provvedimento.

Caso vaccini – Donna muore ad Agrigento

Una settantenne di Agrigento è morta lunedì a causa di una sospetta trombosi. La Procura, diretta da Luigi Patronaggio, ha aperto un’inchiesta, a carico di ignoti, per omicidio colposo.

I familiari hanno raccontato, attraverso un esposto, che alla donna – dirigente di una società di trasporti – il 21 marzo scorso era stato somministrato il vaccino di AstraZeneca. Dopo quattro giorni il malore e il trasporto, in ambulanza, all’ospedale di Agrigento. Al termine di una breve agonia, la donna – che secondo il racconto dei parenti non soffriva di alcuna patologia – è morta. La Procura ha disposto l’autopsia e autorizzato l’espianto degli organi.

  Adesso un’indagine dovrà accertare l’eventuale nesso con la somministrazione del vaccino

31 Marzo 2021

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.