L’On. Cafeo: “Sui finanziamenti al Libero Consorzio occorre un’assunzione di responsabilità, sulla sorte del Bartolo invece sarebbe gradita un po’ di serietà”

“Il finanziamento di 4,5 milioni destinato al Libero Consorzio di Siracusa e annunciato attraverso gli organi di stampa dall’assessore regionale agli Enti Locali non può essere utilizzato per il pagamento degli stipendi ai dipendenti ma soltanto per manutenzione stradale e scolastica”.

A renderlo noto è l’On. Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive.

“Come conseguenza, la quota di trasferimenti rimasta per le spese correnti dell’ente è in realtà 1,2 milioni, ovvero pochi spiccioli rispetto alla reale esigenza – continua l’On. Cafeo – a testimonianza ulteriore della volontà di abbandonare a sé stesso il territorio di Siracusa, evidentemente ritenuto irrecuperabile”.

“L’ipotesi ventilata dall’assessore per far cassa, cioè la vendita delle quote SAC di proprietà della ex Provincia di Siracusa – prosegue Cafeo – sembrerebbe quasi una sorta di invito a nozze per un ipotetico acquirente già predisposto all’operazione. Se il Governo a forte trazione catanese ha dunque l’intenzione di far svendere le quote dell’aeroporto a qualcuno, giochi a carte scoperte e ci dica chi è il compratore”.

“Sulla richiesta al Ministero degli Affari Regionali di una legge speciale per il Libero Consorzio di Siracusa invece – conclude Cafeo – anticipo all’assessore Grasso la mia massima collaborazione e anzi sarà mia premura sollecitarne l’emanazione attraverso i miei contatti con il Ministro Boccia”.

“A proposito dell’audizione in V Commissione svolta lo scorso mercoledì 9 ottobre sulla vicenda dell’Istituto Bartolo di Pachino – continua ancora Giovanni Cafeo – pur essendo presente e avendo attivamente sollecitato il Presidente Sammartino affinché fosse convocata, ho ritenuto di evitare uscite pubbliche, a causa dell’estrema incertezza della situazione”.

“È un peccato utilizzare una questione così importante e delicata per attuare l’ennesima strumentalizzazione propagandistica – prosegue il deputato regionale del PD – sono infatti convinto che la buona politica prima di diventare una fabbrica di comunicati stampa debba provare a risolvere concretamente le questioni; sul destino dell’Istituto Bartolo però ad oggi ci sono soltanto ipotesi di soluzioni, non a breve termine”.

“In particolare l’ipotesi sul tavolo nelle disponibilità dell’Assemblea Regionale Siciliana è una – illustra Cafeo – e cioè uno specifico articolo della prossima finanziaria, destinato però a sanare le pendenze con tutte le scuole del territorio, con un impegno che supera abbondantemente il milione di euro (circa 1,3 per la precisione)”.

“Ringrazio il Dirigente e i rappresentanti di docenti, genitori e studenti dell’Istituto Bartolo per essere intervenuti in Commissione – prosegue l’On. Cafeo – e ricordo ancora che non è buon costume portarsi il riferimento del paese per poter avere in anteprima un articolo a favore: la politica esige serietà e coraggio, anche di dare notizie non confortanti, le medaglie al petto senza risultati concreti servono soltanto a far perdere fiducia ai cittadini”.

“Ricordo infine – conclude Cafeo – che nella riunione in Prefettura di ieri si è conclamata la situazione drammatica riguardante l’Istituto Bartolo di Pachino; di fronte allo sfratto esecutivo ormai prossimo, è stato richiesto al privato proprietario dell’immobile un’ulteriore attesa, visto l’impegno che la politica si è assunta per risolvere non solo la questione in oggetto ma tutte le pendenze riguardanti gli istituti scolastici superiori della provincia. Nella speranza che il proprietario conceda questo ulteriore lasso di tempo, auspico che la politica, a prescindere dal colore, faccia finalmente squadra per il proprio territorio”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.