Noto – Battito cardiaco inesistente, creduta morta per Covid: anziana si riprende dopo due ore

Quando i medici hanno osservato con la strumentazione che il battito cardiaco fosse inesistente, hanno subito avvertito i familiari che la propria congiunta fosse ormai deceduta. Due ore dopo, però, gli stessi medici hanno constatato che il cuore della donna fosse tornato a battere. Il singolare episodio è accaduto ieri mattina al reparto covid dell’ospedale Trigona di Noto dove da qualche giorno si trova ricoverata una paziente di 74 anni, affetta da coronavirus. Il quadro clinico dell’anziana preoccupava alquanto i medici del nosocomio netino e ieri mattina i sanitari hanno eseguito l’elettrocardiogramma riscontrando l’assenza di battito cardiaco che lo ha indotto a dichiarare il decesso della paziente.

All’ospedale di Noto si sono precipitati i parenti, affranti per la scomparsa della loro congiunta a cui non avevano potuto fare nemmeno visita, essendo ricoverata al reparto Covid e, quindi, in totale isolamento. Come vuole la prassi, a distanza di due ore, la presunta morta è stata sottoposta a un nuovo elettrocardiogramma e, con sorpresa dei sanitari, sul tracciato sono ricomparsi gli impulsi che denotavano la ripresa dell’attività cardiaca. Dalla disperazione, i parenti della donna sono passati, in breve tempo, dapprima all’incredulità e poi alla speranza di una miracolosa ripresa della vita, anche se i medici rimangono molto prudenti.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.