Università di Catania: ricco calendario di eventi dal 26 al 27 gennaio

Un fitto programma di appuntamenti quello dell’Università di Catania con momenti di incontro e confronto da domani 26 gennaio fino a venerdì 27.

Ecco il programma:

Scienze umanistiche. Le linee di ricerca del Disum
Giovedì 26 e venerdì 27 gennaio, dalle 8,45, nell’aula magna “Santo Mazzarino” del Monastero dei Benedettini, si terrà l’VIII Colloquio di ricerca “Le linee di ricerca del Dipartimento di Scienze umanistiche. Verso il nuovo Piano triennale”.  L’edizione di quest’anno, grazie all’ormai consueta presenza dei membri dell’Advisory Board – i docenti Andrea Bonaccorsi (Università di Pisa), Paolo Leonardi (Università di Bologna) e Edoardo Massimilla (Università Federico II di Napoli) sarà dedicata alla presentazione e alla discussione dei nuovi temi di ricerca strategici, indispensabili per la definizione del piano triennale 2023-2025. Ben cinque le sessioni di lavori in programma. Giovedì 27 gennaio aprirà i lavori il prof. Salvatore Baglio, delegato alla Ricerca, e le docenti Marina Paino e Stefania Rimini con una relazione sulle linee di strategiche del Piano triennale di ricerca del Disum.
 
Accademia Gioenia, inaugurazione anno accademico
Giovedì 26 gennaio, alle 17, nell’aula magna del Palazzo centrale dell’ateneo catanese, si terrà la cerimonia inaugurale del nuovo anno accademico dell’Accademia Gioenia di Catania. Aprirà i lavori il presidente dell’accademia, Luigi Fortuna. A seguire la conferenza sul tema “I simboli digitali nella comunicazione e nella scienza”, che sarà tenuta da Giovanni Camardi, docente di Logica e Filosofia della Scienza all’Università di Catania.
 
Scienze politiche. iniziativa dedicata alla Giornata della Memoria con un ricordo della famiglia ebrea Kuerschner
Venerdì 27 gennaio, alle 9, al Polo didattico “Gravina” del Dipartimento di Scienze politiche e sociali (via Gravina 21, Catania), si terrà l’iniziativa “Oggi è arrivato il momento… (Eleonor Lindelfeld, Arthur, Eugene, Rende Kurschner)” organizzata dal Dspsin sinergia con gli atenei di Messina e di Enna “Kore” per rendere omaggio alla Giornata della Memoria attraverso il ricordo della famiglia Kuerschner. L’incontro, presieduto da Pinella Di Gregorio (direttore del Dsps), vedrà gli interventi di Sara Cividalli (assessora dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane), Daniele Caviglia (storico delle relazioni internazionali, Unikore), Carlo Colloca (sociologo dell’ambiente e del territorio, Unict), Lucia Corso (filosofa del diritto, Unikore), Angelo Di Giorgio (fotoreporter), Elio Gimbo (regista), Angelo Granata (storico dell’età contemporanea, Unict), Daniela Novarese (storica delle istituzioni politiche, Unime) e degli storici del diritto medievale e moderno Giuseppe Speciale (Unict) e Jacopo Torrisi (Unikore). Introduce e coordina Stefania Mazzone (storica del pensiero politico, Unict).
 
Giurisprudenza, incontro sulla condizione dei minori e delle famiglie in contesti ad alta densità mafiosa
Venerdì 27 gennaio, alle 15,30, nell’aula magna del Dipartimento di Giurisprudenza, si terrà l’incontro “Onorare i padri, rispettare le leggi. La condizione dei minori e delle famiglie in contesti ad alta densità mafiosa” promosso dal Centro di ricerca sulla giustizia dei minori e della famiglia dell’Università di Catania. Dopo i saluti di Salvatore Zappalà (direttore del Dipartimento di Giurisprudenza) e Vania Patanè (direttore del Centro), interverranno Roberto Di Bella (presidente del Tribunale per i minorenni di Catania), con la relazione Indottrinamento mafioso e responsabilità genitoriale. Il progetto “Liberi di scegliere”; Santo Di Nuovo (Dipartimento di Scienze della Formazione), con il contributo Le norme e le persone: conciliare logica giuridica e approccio psicologico; Carlo Pennisi (Dipartimento di Scienze Politiche), che parlerà di Scenari siciliani di politiche sociali e condizione minorile. Introduce e modera Ernesto De Cristofaro (Dipartimento di Giurisprudenza).

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.