“Leggère e amare”, la rassegna di PUTIA dedicata ai libri. | VIDEO

Continua la rassegna di PUTIA sicilian creativity dedicata ai libri dal titolo “Leggère e amare”. Sabato 23 giugno, alle ore 18,30, sarà la volta del regista catanese Alessandro Marinaro e della sua opera d’esordio letteraria “Storie di presunti imbecilli”, ospite nell’art gallery di PUTIA, insieme allo scrittore Antonio Privitera, moderatore dell’incontro. La raccolta di racconti è un caleidoscopio di personaggi bizzarri, ognuno intento a cercare la propria felicità per scavalcare i confini della società giudicante: una raccolta – quella edita da A&A edizioni – di storie diverse, accomunate dall’attenzione che l’autore rivolge a personaggi spesso relegati al margine della comunità, ma coerenti e liberi e spesso poetici. A contaminare l’incontro ci sarà pure il cinema di Marinaro, con il suo film breve del 2012Buongiorno, sig. Bellavista”, girato proprio a Castelbuono e prodotto da 095mm, con il sostegno della Sicilia Film Commission. L’opera si è aggiudicata moltissimi premi, fra cui il Best Short Film dell’Italian Contemporary Film Festival di Toronto nel 2013.

Storie di Presunti imbecilli

Gasparino è in attesa del fratello, che non vede da trent’anni, dopo il litigio per la successione dei beni; Gualtiero Romeo, telegiornalista sincero, è stufo dell’ipocrisia dei notiziari, e decide di sputtanare l’intera categoria in diretta TV; Tuccio non si distrae, perché ama farsi incantare dalla bellezza della natura, invece di lavorare; il piccolo Emmanuele è alla ricerca del suo amico porcellino, e non sa che glielo hanno ammazzato; Faustino è un pittore mangione, nel senso che si mangia la vita, perché ciò che trasferisce su tela sparisce dalla realtà; mentre l’epigono è un tale che vorrebbe esser scrittore, ma ripensando alla grandezza della letteratura che l’ha preceduto, non riesce a scrivere manco una riga.

 

Potremmo dire che ogni personaggio si ritrova alla ricerca di una meta. È così forte il suo desiderio di giungere a un lampo di felicità, che non si cura del derisorio e sprezzante giudizio sociale. Questo soggetto lo apparentiamo a certa stramberia umana, quella che popola i nostri paesini, i quartieri periferici o soltanto i nostri sogni.

Sono personaggi bizzarri e densi di umanità, quelli ritratti con umorismo da Alessandro Marinaro nel suo libro di esordio, e per questo ridiamo delle loro stranezze e compatiamo i loro travagli. Personaggi che rivendicano il diritto di essere imbecilli, a volte costretti dalla vita e dalle circostanze ad apparire tali. Qualcuno lo fa con assoluta innocenza, qualcun altro con una certa baldanza: diversi modi di essere imbecilli che restituiscono l’ampia gamma della fragilità umana.

Alessandro Marinaro è nato il 16 giugno 1978 a Catania.

È regista e sceneggiatore e ha ottenuto importanti riconoscimenti con i suoi film. Fra questi, ricordiamo “Motore!”, vincitore nel 2010 del Festival del Corto de “La 25ora”, su La7; “La bici sotto il vulcano”, selezionato in decine di festival; “Buongiorno, sig. Bellavista”, con il quale ha vinto diversi premi, fra cui il prestigioso “Italian Contemporary Film Festival 2013” di Toronto.

Ha scritto il film “Mauro c’ha da fare”, per la regia di Alessandro di Robilant, uscito nel 2015. Negli ultimi anni, ha partecipato a diversi concorsi letterari, rientrando fra i 25 vincitori del concorso “Racconti nella Rete”, con la breve novella “La scoperta del piccolo Emmanuele”, inclusa poi nell’antologia edita da Nottetempo.

Nel 2015, si è classificato al secondo posto alla 17° edizione del “Concorso Laghese di Narrativa e Poesia”, con il racconto “La mano di Gasparino Circosta”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.