Presunte interferenze russe sul diritto di sciopero dei lavoratori nella zona industriale, l’On. Cafeo: “se confermato, fatto gravissimo”

“Ho appreso come molti da fonti di stampa la notizia di una lettera dell’ambasciatore russo in Italia indirizzata al Ministro dell’Interno, affinché intervenisse per ridimensionare le proteste dei lavoratori di aziende russe operanti nel nostro Paese”.

Ad intervenire è l’On. Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive.

“Secondo le ricostruzioni della stampa – prosegue Cafeo – a seguito di quella lettera si sarebbe mosso il Prefetto di Siracusa, emanando l’ormai famigerata ordinanza che vieta gli assembramenti di persone di fronte alle portinerie della zona industriale”.

“Qualora la ricostruzione si rivelasse veritiera, si tratterebbe di un fatto gravissimo – continua l’On. Cafeo – lesivo sia del diritto di sciopero dei lavoratori sia, soprattutto, della sovranità e del prestigio della Nazione”.

“Ferma restando l’inopportunità di alcune uscite rivolte al Prefetto da una parte del sindacato proprio nei giorni che avrebbero dovuto precedere un’importante riunione delle parti sociali, avente per tema la delicata situazione degli appalti nella zona industriale – prosegue Cafeo – c’è anche da considerare che il Tar ha di recente considerato legittima l’ordinanza prefettizia, quanto meno nel merito; questo, in attesa anche del ricorso presentato al CGA, non sana però la <<ratio>> del provvedimento, qualora derivasse realmente da influenze di uno stato estero all’Italia”.

“Oggi, più che mai, è necessaria chiarezza e trasparenza – conclude l’On. Giovanni Cafeo – sia per i lavoratori di Priolo Gargallo sia per tutti i cittadini italiani che ogni giorno avvertono la presenza di segnali inquietanti ad ogni livello istituzionale, tali da minare addirittura la fiducia nello Stato e nei suoi rappresentanti”.

 

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.