Reddito di cittadinanza e puc, Meetup Siracusa ha avviato gruppi di lavoro c

Per accelerare la fase due del Reddito di cittadinanza,  con i percettori impiegati in lavori di pubblica utilità per il Comune di Siracusa, il gruppo di lavoro del MeetUp Siracusa ha preparato primi schemi operativi. Sono stati redatti durante riunioni settimanali aperte al contributo di tutti, e saranno ora messi a disposizione del Comune di Siracusa. Un contributo fattivo, in ausilio agli uffici comunali, pensato per evitare che si perda ancora tempo, avviando micro-azioni positive per Siracusa, dalla pulizia alla piccola manutenzione di luoghi ed edifici pubblici e scolastici.
I gruppi di lavoro del MeetUp Siracusa avevano già sollecitato il Comune ad iscriversi alla piattaforma Gepi, un modo da avviare l’iter burocratico previsto dal decreto dell’ 8 gennaio 2020.
Il contributo di idee maturate dal confronto settimanale con i cittadini, ha permesso di individuare alcuni progetti perfettamente rientranti negli ambiti di azione elencati nel decreto.
Si va da progetti per la gestione di un servizio di doposcuola pubblico alla sorveglianza di parchi, aree verdi e piste ciclabili; dalla sensibilizzazione per la raccolta differenziata (nei quartieri, nelle scuole) alla pulizia di aree non coperte dal verde pubblico; dal supporto ai vigili urbani all’entrata ed uscita dalle scuole all’ampliamento dell’orario delle biblioteche. E poi  ancora progetti per supporto domiciliare a disabili e anziani; tinteggiatura dei locali scolastici; campus estivi comunali gratuiti per i bambini; sport inclusivo nelle aree pubbliche.
La realizzazione di questi progetti, da parte dell’amministrazione comunale, potrebbe produrre, già da subito, benefici e vantaggi per la comunità. Infatti, con  l’impiego delle unità che percepiscono il reddito di cittadinanza si potrebbero attuare cambiamenti visibili alla qualità del decoro urbano e un maggiore controllo nell’utilizzo dei beni comuni.
Mariolina Lo Bello

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.