Zapulla: “a favore di una sanità in grado di garantire i diritti dei lavoratori e dei cittadini”

“Abbiamo partecipato alla protesta degli operatori della sanità, promossa dagli infermieri del Pronto Soccorso di Siracusa, perché la loro iniziativa parla alle necessità della categoria e contestualmente ai diritti dei cittadini” – a dichiararlo è Pippo Zappulla, segretario regionale di ArticoloUno.

“Come lamentano sia gli infermieri sia i cittadini al pronto soccorso i tempi di attesa sono lunghissimi, l’affollamento nei locali è tale da determinare difficoltà serissime a garantire il minimo di distanziamento necessario, si accumulano attese improponibili per la realtà legata alla pandemia che stiamo vivendo; quello denunciato dagli infermieri è   un grave deficit di organico e di organizzazione” – continua dichiarando l’esponente di ArticoloUno.

Zappulla prosegue dicendo: “Si denunciano carenze di organico insostenibili, manca il 50% di medici e si corre il rischio concreto che l’Ospedale gestito come Covid-Center   scarichi anche sui cittadini, portatori di altre patologie, ulteriori gravi e pesantissimi disservizi”.

“Questa è una situazione insostenibile e, per tale motivo, sosteniamo la lotta e la protesta degli operatori della sanità e invitiamo la struttura sanitaria pubblica ad assumere i giusti e necessari provvedimenti e il Sindaco stesso della città, prima autorità per la tutela della salute dei suoi cittadini, a farne una prioritaria battaglia istituzionale” – conclude Pippo Zappulla.

 

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.