Disabili psichici, all’Ars per le quote di compartecipazione

Un incontro di grande apertura quello che si è svolto ieri a Palermo sulla vicenda della mancata compartecipazione della Regione nelle rette di ricovero dei disabili psichici, da alcuni anni a carico delle già disagiate casse dei Comuni.

L’ufficio di Presidenza di AnciSicilia,  presenti il Segretario generale, Mario Emanuele Alvano, il Vice Presidente, Paolo Amenta, Presidente del Consiglio comunale di Canicattini Bagni, e il Consigliere regionale Silvio Cuffaro, Sindaco di Raffadali, ha incontrato gli Assessori regionali alla Salute e alla Famiglia, Ruggero Razza e Antonio Scavone, e i componenti della VI Commissione Servizi Sociali e Sanitari dell’ARS.

Nel corso dell’incontro AnciSicilia ha sollecitato il governo regionale a farsi carico della parte dei costi delle rette dei disabili psichici il cui ricovero è predisposto dalle strutture dell’Asp, lasciato da alcuni anni a quasi totale carico dei Comuni.

Assessorato alla Salute e alla Famiglia hanno finalmente manifestato l’intenzione di riconoscere ai Comuni una quota totalmente a carico della Regione attraverso la costituzione di un Tavolo Tecnico finalizzato alla quantificazione della stessa che dovrebbe aggirarsi sul 40% dei costi di ricovero.

Una decisione che AnciSicilia ha apprezzato e che si augura possa avvenire in tempi più che rapidi, considerato che già da tempo le strutture che accolgono i disabili psichici vantano crediti arretrati che i Comuni, molti dei quali in dissesto, non hanno potuto saldare, con i conseguenti ritardi nei pagamenti alle Cooperative e ai lavoratori.

«Dobbiamo precisare – ha sottolineato il Vice Presidente di AnciSicilia, Paolo Amenta –  che negli ultimi 5 anni il contributo della Regione alle comunità- alloggio è passato dall’80 per cento al 10 per cento, una flessione insostenibile che ha messo in ginocchio i comuni e, di conseguenza, i servizi resi alle comunità. La compartecipazione è, quindi, assolutamente necessaria e improcrastinabile per mettere fine al dissanguamento dei comuni e per procedere all’approvazione dei bilanci. Ora aspettiamo che il tavolo tecnico analizzi il pregresso, definendo ciò che le Asp dovranno versare ai comuni e che si provveda, in tempi brevi, all’emanazione dei decreti attuativi relativi alla riforma socio-sanitaria».

Un ringraziamento alla Presidente della VI Commissione, Margherita Ruvolo, e agli Assessori Razza e Scavone è stato espresso dalla Presidenza di AnciSicilia, per l’apertura e la decisione di istituire il Tavolo Tecnico che dovrà occuparsi del riconoscimento delle compartecipazione ai Comuni per l’anno 2019, e analizzare il riconoscimento per le spettanze pregresse.

I Comuni, pertanto, come riconosciuto dagli Assessori Razza e Scavone, potranno esercitare il diritto ad inserire nei loro bilanci dell’anno in corso le somme attese dalle Aziende sanitarie.

 

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.