Caso Lukoil, la Prestigiacomo presenta un emendamento al “Decreto aiuti”

Presentato un emendamento al ‘Decreto aiuti’ in discussione alla Camera, finalizzato a consentire la prosecuzione dell’attività degli impianti Isab Lukoil a Siracusa. “Dopo le sanzioni scattate per l’aggressione all’Ucraina – ha spiegato Stefania Prestigiacomo, la parlamentare siracusana Forza Italia, prima firmataria dell’emendamento – gli istituti di credito hanno rifiutato l’emissione delle lettere di credito all’Isab del gruppo Lukoil costringendo l’azienda a raffinare solo il petrolio che giunge via mare dalla Russia. Col blocco delle importazioni di greggio via mare e nel persistere delle sanzioni, la chiusura della raffineria – con l’effetto domino in tutta la zona industriale siracusana, la perdita di migliaia di posti di lavoro, di una quota importante del PIL siciliano e del 25% della capacità di raffinazione nazionale – sarebbe inevitabile se non si interviene subito”. 

L’emendamento permette di estendere le garanzie prestate ex lege dalla Sace Spa anche all’Isab fino a un massimo di un milardo e 200 milioni di euro. “Attraverso questa garanzia pubblica – dice Prestigiacono – l’Isab potrebbe tornare ad operare sul mercato libero del greggio e assicurare la produzione e i livelli occupazionali diretti, dell’indotto e delle imprese a vario titolo collegate alla raffineria. Credo che il Governo debba affrontare con celerità la questione e garantire l’operatività della raffineria Isab, soggetto non sanzionato. Il decreto legge contiene proprio un articolo che consente di intervenire subito e senza rinvii. La Sicilia non può permettersi una caporetto economica e non può pagare un prezzo tanto alto per ‘l’economia di guerra’ causata dalla brutale aggressione della Russia all’Ucraina” conclude Prestigiacomo.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.