Siracusa, Libero consorzio: coperti stipendi fino a ottobre

La Regione liquida il saldo per le accise, per oltre 6 milioni di euro, di cui 3milioni di euro saranno destinati all’ex Provincia di Siracusa, mentre altri 3 milioni 267mila euro saranno destinati ai 21 comuni dell’area.

Il Dipartimento regionale delle Autonomie Locali, dell’Assessorato regionale alla Funzione Pubblica, ha emesso il decreto con il quale viene trasferito dalla Regione, il saldo accise al Libero Consorzio di Siracusa e ai 21 comuni della provincia aretusea. Tra gli altri comuni, beneficia della somma di quasi un milione di euro il comune capoluogo, seguono Augusta, Avola, Lentini con somme che vanno dalle 200 mila ai 300 mila euro.
“Una importante boccata di ossigeno – afferma l’assessore regionale all’Agricoltura, Bandiera -, che servirà a far fronte al pagamento degli stipendi del personale dipendente e ad altre esigenze degli enti beneficiari”.

Una boccata d’ossigeno soprattutto per i dipendenti della Provincia che con l’arrivo di questi 3 milioni e 100mila euro, potranno ottenere il pagamento di due mensilità, cioè, i mesi di maggio e giugno. A queste somme dovrebbero aggiungersi a breve altri fondi, derivanti dai trasferimenti ordinari predisposti dalla Regione siciliana pari a 6 milioni di euro a saldo di una somma complessiva di 9 milioni, di cui 3 già incassati dall’ente di via Roma quale quota dei quattro dodicesimi previsti per il pagamento degli stipendi.

“Questa situazione dovrebbe porre un argine al pagamento degli stipendi fino al mese di ottobre – dice Turi Pecora, componente della rsu del Libero Consorzio – per le ultime due mensilità non si ha notizia alcuna di copertura finanziaria. Ciò significa che, se non si correrà subito ai ripari, il problema stipendi si riproporrà in tutta la sua drammaticità”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.