Segretario (Pd) Priolo, Susinni: prodotto documenti per chiusura scuola pineta, “Mi congratulo con il sindaco per la nuova scuola”

I bambini di Priolo, si legge in una nota stampa del Segretario del partito Democratico di Priolo Gargallo Dott. Carmelo Susinni, da lunedì andranno a studiare in una bellissima scuola moderna ed in sicurezza, questo merito va al Sindaco Pippo Gianni, al Presidente del Consiglio Alessandro Biamonte e ai consiglieri che hanno votato l’atto, a cui vanno i miei ringraziamenti, e se mi permettete di tutti i bambini che frequentavano quella topaia piena di amianto nel plesso Pineta, una vergogna che si portava alle lunghe da oltre 20 anni con le continue proteste dei genitori, mettendo a rischio la salute dei nostri bambini . Fu un giorno che accompagnando per la prima volta la mia nipotina in quel plesso, rivolgendomi a lei dissi, tuo nonno ti promette che presto non entrerai nè tu, nè gli altri bambini in questa scuola. Ero consapevole dei disagi che avrei causato ai bambini, ma oggi vedendo la nuova scuola sono convinto di aver fatto il mio dovere di padre di nonno e di segretario del PD. Tanta superficialità e mancanza di conoscenza da parte di alcuni aspiranti a cariche politiche importanti. Le critiche anche aspre le abbiamo ricevute, addirittura personaggi politici priolesi  hanno detto che la scuola non è stata chiusa per l’amianto, e non si doveva chiudere, la realtà  che in 20 anni non sono stati  capaci di tutelare neanche la salute dei loro figli. Il Comune di Priolo Gargallo, precisa Susinni, nel 2016 ha dato mandato ad una ditta privata (e non all’ASP di competenza) di effettuare le analisi ambientali di fibre aerodisperse di amianto come previsto dalla legge 27 marzo 1982 n. 257, i quali hanno dato esito negativo, ma il sottoscritto ha evidenziato che dal 2016 al 2019 non era stata effettuata nessuna altra analisi visto la periodicità prevista dalla legge. Inoltre il sottoscritto, aggiunge Susinni, ha dimostrato come si evince dalla richiesta inoltrata al Segretario Comunale in data 03/04/2019, che il Comune non aveva mai denunciato l’edificio scolastico nell’apposito registro dell’ASP, ciò vuol dire che, alla data del mio intervento nessuna amministrazione l’aveva fatto, e addirittura delle analisi effettuate nel 2016 nessuno aveva informato l’Asp come previsto dalla legge. Ho anche dimostrato, con accurata relazione, prosegue il segretario Pd di Priolo, che l’analisi negativa del 2016 non aveva alcun significato, poichè la struttura è un prefabbricato le cui pareti nel loro interno contengono amianto, ed essendo soggetta ad assestamenti dovuto all’elasticità dei materiali tipica dei prefabbricati, nessuno poteva garantire l’esclusione del rischio di rilascio di microfibre trasportate attraverso le fessurazioni degli infissi, ed in queste considerazioni l’Asp ha mandato la commissione competente che ha accettato la mia richiesta, e la scuola è stata chiusa con successiva ordinanza del Sindaco. Per i documenti in mio possesso che ho già precedentemente pubblicato in questo giornale, e per come è stata gestito quell’edificio negli ultimi 20 anni, credo che l’unico argomento di cui ci resta da discutere sia quello della mancanza di conoscenza e competenza.

Carmelo Susinni
Segretario PD

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.