Roma- Ecco la Squadra del Papa, affronta quella dell’Isola d’Elba – Il 26 amichevole al Trastevere Stadium, poi dal Santo Padre

La rappresentativa dell’Isola d’Elba, a nome delle 87 piccole isole italiane, e la ‘Squadra del Papa-Fratelli tutti’ giocheranno una partita di calcio martedì 26 (alle 18.30) al Trastevere- Stadium, in via Vitellia 50 a Roma.

Il giorno dopo, Papa Francesco riceverà in udienza le due squadre.

L’ingresso sarà libero, arbitro d’eccezione sarà Valeri. A rendere possibile l’organizzazione della partita sono la Lega Nazionale Dilettanti, la Lega Pro e il Trastevere Calcio. Tutto nasce dall’iniziativa di un gruppo di sportivi dell’Isola d’Elba che hanno scritto al Papa per raccontargli la realtà sociale che vivono ogni giorno i 240mila abitanti delle piccole isole d’Italia, domandandogli la possibilità di un incontro personale per essere incoraggiati a “investire” sul presente e sul futuro di questi “scogli” e far sì che il fenomeno dello spopolamento -soprattutto dei giovani – non metta in discussione i servizi essenziali per la sanità e per la scuola. E chiedendogli anche, richiesta accolta, di giocare una partita di calcio con la “Squadra del Papa-Fratelli tutti”, allenata dall’ex romanista Odoacre Chierico e composta da cittadini e dipendenti vaticani ai quali si aggiungono un giovane di Special Olympics con la sindrome di down, due migranti africani accolti dalla Comunità di Sant’Egidio e alcuni giovani ucraini. La squadra fa riferimento al Pontificio Consiglio della Cultura e ad Athletica Vaticana.

    “Vogliamo rappresentare attraverso lo sport, veicolo di grande impatto, i disagi delle popolazioni che hanno scelto di vivere nelle piccole isole – dice Gaetano D’Auria, presidente della squadra dell’Elba -. Porteremo alla nostra gente il calore che ci trasmetterà il Santo Padre, al quale racconteremo la sensazione di sentirsi isolati, dimenticati dalle autorità centrali. Gli diremo che la Chiesa è sempre presente” A ospitare la partita il Trastevere Stadium, situato all’interno del parco di Villa Pamphili, e dove si tenne la prima partita di calcio a Roma nel 1892. Il principe Alfonso Doria Pamphili, appassionato di sport, infatti, permise ad un gruppo di seminaristi del Venerabile Collegio Inglese, che già praticavano il football, di allenarsi e giocare nella sua villa.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.