Sentenza Cga, il sindaco Italia: “Tanto rumore per nulla”

“Tanto rumore per nulla”. Esordisce citando Shakespeare il sindaco Francesco Italia rispetto alla sentenza del Cga che ha rigettato l’appello dell’avvocato Ezechia Paolo Reale. Per il primo cittadino siracusano si è conclusa una “vicenda dolorosa perché qualcuno strumentalmente ha parlato di brogli elettorali ma solo di errori. Insomma, è stato costruito un castello di ricostruzioni fantasiose” .
L’avvocato Rossitto sostiene che “Eravamo convinti che la sentenza non avesse colto nel segno. La sentenza è un prodotto scientifico con una lettura ad uso degli operatori di diritto. C’era Interesse a manipolare le emergenze. Il ricorso e la sentenza basate su congetture e lo afferma una sentenza da manuale di diritto elettorale. La decisione quand’anche dovessero emergere discrasie o errori fisiologici nel procedimento elettorale, quegli errori non possono stravolgere l’esito elettorale. Il consiglio si è fatto carico di analizzare sezione per sezione delle anomalie di verbalizzazione e ha confermato le letture del verificatore”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.