Emergenza COVID-19, l’On. Cafeo: ridurre i tempi di attesa dei tamponi, massima attenzione nella zona industriale


Siracusa, 13 marzo 2020 – “Il tempo delle polemiche e della propaganda è finito, oggi è arrivato il momento di una generale assunzione di responsabilità che parte dai comportamenti personali per finire a quelli degli esponenti politici”.
Ad intervenire è l’On. Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive.
“Nonostante i numeri dell’infezione non siano ad oggi paragonabili a quelli di altre realtà italiane purtroppo più colpite, come la Lombardia e il Veneto – prosegue l’On. Cafeo – la Sicilia vive la stessa identica situazione di tensione, aggravata dall’angoscia che un’attesa troppo elevata dell’esito dei tamponi provoca nella popolazione, a volte anche di 72 ore”.
“Il periodo di attesa che intercorre tra l’esecuzione di un tampone oro-faringeo e il suo esito diventa per il cittadino una sorte di preoccupante limbo – spiega l’On. Cafeo – che oltre ad impedire le normali condizioni di vita per il presunto malato, sospende interventi tempestivi da parte delle autorità sanitarie, per questo auspico che in attesa delle nuove versioni rapide del test, annunciate in questi giorni e in grado di fornire il risultato in 60 minuti, vengano coinvolte nell’esecuzione delle analisi anche le strutture private attrezzate che si aggiungerebbero così ai policlinici di Palermo e Catania”.
“Segnalo inoltre la necessità accessoria ma non certo secondaria di potenziare la comunicazione legata all’intero sistema sanitario regionale, al fine di limitare il fenomeno delle fake news e le sempre più diffuse <> generanti il panico sui social media – aggiunge l’On. Cafeo – nonché l’ipotesi di attivare linee telefoniche dedicate al sostegno psicologico dei cittadini, sottoposti in questi giorni ad uno stress enorme”.
“Da Segretario della Commissione Attività Produttive, oltre all’aspetto sanitario di questa emergenza non posso non considerare le inevitabili conseguenze economiche, già sotto gli occhi di tutti ma soprattutto evidenti sulle spalle delle imprese e dei professionisti – prosegue Giovanni Cafeo – per questo annuncio adesso che lavoreremo ad una finanziaria regionale di emergenza, ascoltando le istanze delle associazioni datoriali e dei sindacati, ma al contempo auspico che il cuore produttivo della nostra provincia, la zona industriale, continui la produzione seppur nel pieno rispetto delle nuove direttive anti-contagio, se è il caso sospendendo o modificando alcune linee produttive ma evitando un blocco totale che produrrebbe danni incalcolabili”.
“Chi non rispetta le condizioni di sicurezza – continua Cafeo – oltre a mettere a rischio la salute dei lavoratori mette a rischio la chiusura dell’impianto se non di tutto il comparto. Auspichiamo che si trovi quindi su questo tema un’unità di intenti tra Confindustria e sindacati”.
“Viviamo una fase critica e un’emergenza per certi versi ignota all’uomo moderno – conclude l’On. Cafeo – ma da queste prove difficili abbiamo la possibilità di ripartire, insieme, come una comunità, rispettando le regole per il bene di tutti”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.