Sicilia incombe lo spettro della recessione – Governo prevede recessione, Pil -0,3% nel 2023

Un uomo tiene in mano alcune banconote di Euro, in una immagine di archivio. Il prodotto interno lordo dell’Italia nel secondo trimestre del 2010 e’ aumentato dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% rispetto allo stesso periodo del 2009. Lo comunica l’Istat nella stima preliminare.
ANSA/ETTORE FERRARI/DRN

Sulla Sicilia incombe lo spettro della recessione, con l’economia in caduta libera quest’anno.

Si profila per il 2023 un calo del Pil dello 0,3%, un ribaltamento dello scenario che era stato prospettato lo scorso luglio quando si prevedeva una crescita del 2,6%.

A fornire questo quadro disarmante è il governo Schifani, nella Nota di aggiornamento al Defr 2023-2025, approvata in giunta è già trasmessa all’Assemblea siciliana.

    “La revisione delle stime, che è stata effetuata considerando il mutato quadro programmatico della NaDef, vede migliorare le previsioni elaborate a luglio per l’anno in corso (da 2,3% a 3,3%) con un differenziale positivo di un punto percentuale – si legge nel documento – ma prospetta un peggioramento del percorso di ripresa per gli anni successivi, soprattuto per l’anno 2023, che a fronte di una ipotesi di crescita del 2,6% stimata a luglio, mostra adesso una variazione negativa (-0,3%)”. Per il governo “la recessione prevista rappresenta il riflesso dell’indebolimento dell’attività economica, principalmente attribuibile ai minori consumi delle famiglie e alla riduzione degli investimenti delle imprese in macchinari e attrezzature, a causa dell’impatto dell’inflazione sul reddito disponibile e della maggiore incertezza nelle aspettative, oltre che dell’aumento dei costi di finanziamento indotto dal rialzo dei tassi d’interesse. Si tratta, peraltro, degli stessi fattori che incidono negativamente sul volume degli scambi internazionali, a sua volta influente, come domanda estera, sul sistema produttivo regionale”.
    “Particolare rilevanza – prosegue la NaDefr – assume, a livello regionale, la crescita dell’inflazione che a novembre mostra una variazione del 14,3% su base annuale, mantenendo una dinamica più elevata rispetto al resto del Paese”. 

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.