Mafia – operazione “Hesperia”: Dda Palermo chiede giudizio per 35

Palermo, 3 gennaio 2023 – La Dda di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio delle 35 persone coinvolte, nell’operazione antimafia dei carabinieri di Trapani “Hesperia”. La prima udienza preliminare, sarà espletata il prossimo 2 febbraio. Nel blitz sono state arrestate 33 persone: 21 in carcere e 12 ai domiciliari. Tra loro, molti nomi noti della criminalità organizzata di Marsala, Campobello di Mazara e Castelvetrano, ma anche personaggi non conosciuti prima. Tra i piu’ conosciuti, il campobellese Francesco Luppino, 67 anni, uscito dal carcere poco più di tre anni fa dopo aver scontato una lunga condanna per mafia, secondo l’accusa si sarebbe rimesso all’opera per ricostituire la rete di relazioni di Cosa nostra tra Campobello di Mazara, Mazara, Castelvetrano e Marsala. Le accuse a vario titolo contestate agli indagati sono associazione di tipo mafioso, estorsione, turbata libertà degli incanti (nelle aste al Tribunale di Marsala), reati in materia di stupefacenti, porto abusivo di armi, gioco d’azzardo e altro, tutti aggravati dal metodo e dalle modalità mafiose. L’indagine nasce dagli sforzi investigativi volti alla cattura del boss latitante Matteo Messina Denaro. A lui farebbero riferimento gli elementi di primo piano di Cosa nostra trapanese coinvolti nell’indagine. Secondo gli investigatori, Messina Denaro sarebbe ancora in grado di dare “direttive” per la riorganizzazione della cosca. Le indagini testimoniano, inoltre, anche l’attività di infiltrazione di cosa nostra trapanese nel tessuto economico, con riferimento a condizionamenti di aste giudiziarie e gare d’appalto e, alla gestione, in forma pressoché monopolistica, del settore della sicurezza nei locali notturni e del recupero crediti.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.