Ospedale di Noto, Gennuso pronto a lasciare la maggioranza

“Ci sono 4 sale operatorie all’ospedale di Noto che attendono di essere messe in funzione”. Nuovo appello lanciato dal parlamentare regionale Pippo Gennuso, al governo regionale di inserire il Trigona di Noto tra i cosiddetti Covid-hospital. Stavolta aggiunge un elemento di novità: “Se il mio nuovo appello dovesse cadere nel vuoto, sono pronto a lasciare la maggioranza e sono pronti a seguirmi altri deputati così come aderisce alla mia iniziativa anche l’ex parlamentare regionale Daniela Ternullo”. Gennuso fa, quindi, un passaggio politico importante, annunciando non solo il suo abbandono della maggioranza ma anticipando anche quello di altri parlamentari del suo gruppo.

“Vogliamo risposte immediate per quanto riguarda l’impiego dell’ospedale di Noto per l’emergenza Covid-19 – dice Gennuso – non possiamo assistere inerti al tentativo di transumanza sanitaria con destinazione Catania. Non si comprende perché l’assessore regionale alla Salute, Razza, abbia promesso al comitato per la riapertura del Trigona di Noto che ci saranno investimenti per il pronto soccorso, che si attivi la sperimentazione con il coinvolgimento delle strutture sanitarie private. Non solo, sono stati fatti investimenti pubblici per ammodernare gli ascensori, attrezzare le sale operatorie per avere un ospedale chiuso anche in questi giorni di emergenza Coronavirus?”.

“Il governo regionale disattende gli impegni – dicono Gennuso e Ternullo – e non possiamo più attendere perché la popolazione a sud della provincia di Siracusa ha bisogno di un riscontro oggettivo e di sapere di avere gli strumenti e le strutture in grado di potere rispondere a qualsiasi emergenza. Abbiamo notato nelle ultime ore che anche il sindaco di Noto, Bonfanti, si sia svegliato dopo due mesi di torpore e, allineandosi alle nostre richieste ha sollecitato al direttore generale dell’Asp di inserire l’ospedale Trigona tra quelli dedicati alla cura del Covid-19. Meglio tardi che mai”.

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.